Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Visti

Avviso importante sulla presentazione delle domande di visto nella Federazione Russa

Le domande di visto per l’Italia possono essere presentate per il tramite dei Centri Visti delle società esterne cui è stato affidato il servizio di raccolta nel territorio della circoscrizione del Consolato Generale d’Italia a Mosca che comprende tutto il territorio della Federazione, con l’esclusione della circoscrizione del Consolato Generale di San Pietroburgo (cioè la città di San Pietroburgo e le Regioni di Leningrado, Novgorod, Vologda, Arcanghelsk, Pskov e provincia, Murmansk e provincia, e la Repubblica autonoma di Carelia).

La competenza a trattare le domande è attribuita ai Centri Visti interessati a seconda del luogo di residenza del richiedente, così come è registrato nel proprio documento d’identità:

Il costo del servizio di raccolta è a carico del richiedente, che versa la relativa tariffa alla società interessata.

Il costo dei diversi tipi di visto è indicato nella Tabella delle tariffe.

Le domande vengono trattate esclusivamente dal Consolato Generale, nel pieno rispetto della privacy dei richiedenti.

Per motivi logistici e organizzativi, la trattazione delle domande di visto potrebbe richiedere tempi più lunghi del solito.

Si richiede pertanto alla gentile utenza di presentare le domande di visto con largo anticipo rispetto alle date di partenza previste.

 

Familiari di cittadini italiani e dell’Unione Europea

I familiari dei cittadini italiani e dell’Unione Europea (familiari UE) possono presentare domanda di visto direttamente al Consolato Generale, previo appuntamento all’indirizzo mail mosca.familiari@esteri.it.

Orario di apertura dello sportello dedicato: 9:30 – 13:00 (lunedì e giovedì).

Per familiari UE si intendono il coniuge, la parte di un’unione civile, gli ascendenti diretti a carico e quelli del coniuge/unito, i discendenti diretti di età inferiore ai 21 anni o a carico e quelli del coniuge/unito, che accompagnano o raggiungono un cittadino dell’UE

Si precisa che i discendenti diretti di età superiore a 21 anni e gli ascendenti diretti (genitori, nonni) possono presentare domanda in consolato a condizione che siano a carico del cittadino UE e in grado di comprovarlo attraverso la presentazione di adeguata documentazione da allegare alla domanda. La documentazione comprovante la relazione di parentela (atto di matrimonio, certificato di nascita etc.) deve essere presentata in originale e in copia.

I familiari UE sono esentati dal presentare documentazione sulla loro situazione socio-economica e sul possesso di mezzi di sostentamento. Sono inoltre esentati dall’obbligo di possedere un’assicurazione sanitaria. È comunque necessario allegare alla richiesta di visto una prenotazione aerea o il programma di viaggio o l’invito del cittadino dell’Unione.

 

Domanda visto (VSU-VN)

La lista dei requisiti e delle condizioni previste per il rilascio di ciascuna tipologia di visto nonché le informazioni sulla normativa in materia di immigrazione in Italia e nello spazio Schengen sono disponibili sul sito del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (vistoperitalia.esteri.it) e sui siti delle società sopra indicate, oltre che nelle bacheche esterne e nei fogli informativi in distribuzione presso i Centri Visti di VMS e Almaviva Russia.

Ogni informazione in merito all’Accordo di facilitazione tra l’Unione Europea e la Federazione Russa può essere reperita sul sito web della Delegazione della Commissione Europea a Mosca .

Si informa la gentile utenza che, per esigenze contabili, le ricevute di pagamento delle tariffe consolari relative a domande di visto dovranno tassativamente avere data non antecedente a 20 giorni rispetto alla presentazione della domanda stessa e che il pagamento dovrà avvenire nello stesso mese di presentazione della domanda.

Tabella tariffe visti

Divieto di intermediazione

Si raccomanda di diffidare e di segnalare al Consolato Generale eventuali intermediari che offrano i loro servizi a pagamento per
presentare o per facilitare le pratiche di visto. Si raccomanda di diffidare in particolare di persone che vantino canali preferenziali per la domanda di visto. Il costo della percezione consolare è 80 Euro per i cittadini russi (per altre nazionalità i costi possono essere diversi) ed è l’unico costo ammesso oltre la spesa per i servizi dei centri visti. Modalità non chiare di presentazione della domanda comportano il diniego del visto stesso.

 

Decisione del Consiglio dell’Unione Europea – Novità sulle richieste di visto

 


Informativa sulla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali ai fini del rilascio di un visto d’ingresso in Italia e nell’area Schengen.

Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (UE) 2016/679