Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Domande frequenti

 

Domande frequenti

Il sito web del Ministero degli Affari Esteri propone un'ampia gamma di soluzioni alle domande che sono più frequentemente poste dagli utenti. Per problemi di ordine più specifico ci si può riferire, come di consueto, agli Uffici di questo Consolato Generale.

Domande frequenti - Generale

Quali sono le tariffe consolari? Vai alla pagina del nostro Consolato.

Domande frequenti - Visti d'ingresso

Dove effettuare il pagamento dei visti? I pagamenti dei visti dovranno essere effettuati solo ed esclusivamente in: Malyi Tolmachevskiy n. 6, con. 1, Banca Intesa presso VMS (Visa Management Service) - Call-center VMS: +7-495-7273577 (la telefonata è gratuita).

Qual è il costo di un visto urgente? Si informa che in base all'accordo tra la Federazione Russa e l'Unione Europea in vigore dall'1 giugno 2007, per il trattamento dei visti le cui domande e documenti giustificativi vengono presentati dal richiedente nei tre giorni precedenti la data prevista per la partenza si applica un diritto pari a 70 Euro.

Quali sono i documenti previsti dall'obbligo per l'assicurazione sanitaria da allegare alla richiesta di visto? Si informano gli utenti che in caso di richiesta di visti (Schengen e nazionali) con entrate multiple, vige l'obbligo di presentare a corredo della pratica di richiesta di visto un'assicurazione medica, valida nei paesi Schengen, per il periodo del primo viaggio, e sottoscrivere una lettera di impegno a stipulare un'assicurazione sanitaria che copra tutto il periodo di validità del visto in questione. Inoltre si precisa che tutte le richieste di visto debbono essere accompagnate, tra gli altri documenti, da un'assicurazione (cure mediche, rimpatrio per cure mediche, ricovero d'urgenza) con copertura minima di 30.000 Euro, valida per tutta l'area Schengen, di durata pari al visto richiesto.

Quali sono le regole per la presentazione dei documenti necessari per la richiesta del visto presso il Consolato Generale d'Italia a Mosca? Nella tabella sotto elencata si riportano le regole per la presentazione delle richieste di visto presso il Consolato Generale d'Italia a Mosca.

Chi è autorizzato alla presentazione della domanda di visto Il richiedente risiede a Mosca o nella regione di Mosca Il richiedente non risiede a Mosca o nella regione di Mosca
Domanda di visto individuale
  • Presenza personale oppure
  • presenza di uno dei membri della famiglia (figli, genitori, coniugi) per tutta la famiglia, qualora viaggiassero insieme (con presentazione di idonea certificazione anagrafica sul grado di parentela)
  • Presenza personale oppure
  • presenza di uno dei membri della famiglia (figli, genitori, coniugi) per tutta la famiglia, qualora viaggiassero insieme (con presentazione di idonea certificazione anagrafica sul grado di parentela)
  • delegato, munito di delega notarile alla presentazione dei documenti nel Consolato Generale
  • Divieto assoluto di presentazione dei documenti da parte di corrieri di agenzie di servizi o turistiche non accreditate presso il Consolato Generale
Gruppo* di persone appartenenti ad una stessa ditta (industria, organizzazione)
 
* Per gruppo si intende un insieme di persone che hanno lo stesso scopo del viaggio e il cui invito è stilato dalla stessa persona fisica o giuridica in Italia.
Sulle liste di appuntamento verrà riportato il cognome di chi presenterà la pratica insieme a tutti i cognomi dei richiedenti il visto.
  • Un membro del gruppo, partecipante al viaggio, per tutto il gruppo stesso (con lettera della ditta allegata in cui si specifichino le sue mansioni)
  • Un rappresentante della ditta (industria, organizzazione) stessa (con lettera della ditta allegata in cui si specifichino le sue mansioni)
  • Un membro del gruppo, partecipante al viaggio, per tutto il gruppo stesso (con lettera della ditta allegata in cui si specifichino le sue mansioni)
  • Un rappresentante della ditta (industria, organizzazione) stessa (con lettera della ditta allegata in cui si specifichino le sue mansioni)
Gruppo di persone recantisi ad eventi vari (qualora i richiedenti lavorino in posti diversi)
  • Rappresentante delegato dal comitato organizzativo dell'evento (con allegata delega notarile da parte di ciascuno dei partecipanti all'evento)
  • Rappresentante delegato dal comitato organizzativo dell'evento (con allegata delega notarile da parte di ciascuno dei partecipanti all'evento)

Domande frequenti - Anagrafe

Come posso ottenere il codice fiscale? Occorre o venire di persona in Consolato durante il normale orario di apertura al pubblico munito di documento d'identità valido oppure fare richiesta scritta fornendo tutti i dati anagrafici, indirizzo nella Federazione Russa, indirizzo in Italia (al quale verrà inviato il cartellino plasticato) e allegare fotocopia del documento d'identità e una busta affrancata a sé indirizzata.

Posso richiedere il rilascio della carta d'identità presso il Consolato Generale d'Italia a Mosca? Con legge n. 296 del 27/12/2006 è stato deciso che anche i Consolati possono rilasciare la carta di identità ai connazionali iscritti all'AIRE.

Posso pagare per i servizi che ricevo in consolato con carta di debito/credito o assegni? È possibile pagare solo in contanti. Gli importi sono specificati nelle relative sezioni di questo sito.

Posso effettuare un tirocinio/stage presso il Consolato? Per eventuali stage presso il Consolato ovvero presso le Rappresentanze diplomatico-consolari dell'Italia all'estero, nell'ambito della Convenzione MAE-CRUI (Conferenza Rettori Università Italiane), occorre rivolgersi all'Istituto Diplomatico del Ministero degli Affari Esteri al seguente indirizzo:

  • Ministero degli Affari Esteri
    Istituto Diplomatico
    Casale di Villa Madama, 250
    00194 Roma
  • Telefono +39-06-36914818
  • Email: programma.tirocini@esteri.it

In quale modo posso venire a conoscenza di eventuali assunzioni presso il Consolato Generale di Mosca? Ogni assunzione, a carattere temporaneo o permanente, deve essere espressamente autorizzata dal Ministero degli Affari Esteri. Il Consolato, alla pari di tutti gli altri enti pubblici italiani, assume mediante concorso, il cui bando viene affisso alla bacheca consolare e pubblicizzato sul nostro sito. L'assenza di bandi di concorso significa che non sono previste assunzioni.

Mi sono sposato/sono nato in Italia e mi occorre una copia del certificato di matrimonio/nascita. Come posso ottenerlo? Deve contattare il comune italiano in cui si è sposato/è nato. Visiti il sito www.comuni.it per l'elenco dei Comuni italiani. Se non è italiano, contatti la sua Ambasciata in Italia che le fornirà la necessaria assistenza.

Devo acquistare la marca di concessione governativa (cd. marca da bollo/consolare) annuale per il mio passaporto. A chi mi devo rivolgere? Per acquistare la marca di concessione governativa per il passaporto valido per tutti i paesi occorre presentarsi all'ufficio cassa del Consolato (senza bisogno di appuntamento) durante gli orari di apertura al pubblico.

A chi mi posso rivolgere per avere informazioni su come fare per portare il mio cane/gatto in Italia? Si consiglia di visitare il sito del Ministero della Salute, che fornisce informazioni esaustive a riguardo su questo link.

Che cosa si intende per residenza? La residenza è il luogo dove una persona ha la propria dimora abituale, cioè quello in cui trascorre la maggior parte del proprio tempo.

Chi si deve iscrivere all'A.I.R.E.? Tutti i cittadini italiani - ovunque siano nati - che risiedono fuori dal territorio nazionale. Ricordate che l'iscrizione all'A.I.R.E. è obbligatoria.

Come ci si iscrive all'A.I.R.E.? La richiesta di iscrizione all'A.I.R.E. deve essere fatta dall'interessato tramite il Consolato italiano del luogo di residenza il quale, dopo averne constatato l'effettiva permanente residenza, provvederà a inoltrarla al Comune italiano competente. Il Consolato, qualora abbia accertato autonomamente l'effettiva residenza nella circoscrizione può procedere all'iscrizione d'ufficio anche senza una diretta iniziativa da parte del cittadino interessato. In ogni caso il cittadino sarà informato dell'avvenuta iscrizione all'A.I.R.E. per mezzo di un atto amministrativo del Comune, che gli sarà notificato direttamente dallo stesso Comune oppure dal Consolato italiano del luogo di residenza.

I cittadini italiani residenti al di fuori dell'Italia sono tenuti a comunicare al proprio Comune d'iscrizione anagrafica e tramite l'Ufficio Consolare del luogo di residenza, ogni variazione relativa a indirizzo, cittadinanza, stato civile, composizione del nucleo familiare.

La tempestiva comunicazione al Consolato dei cambiamenti riguardanti la propria situazione anagrafica, oltre a essere un dovere del cittadino, consentirà agli Uffici italiani di mantenere sempre aggiornate le informazioni riguardanti i cittadini residenti all'estero, facilitando sia l'erogazione di tutti i servizi eventualmente richiesti in Italia o all'estero, sia il contatto fra Consolato e cittadini italiani residenti nella circoscrizione.


54